“L’autostoppista”, in onda dal lunedì al giovedì dalle 17 alle 18 su Rai Isoradio, è il primo programma radiofonico pet friendly dove il co-conducente è il bassotto Byron, che interagisce con gli “autostoppisti” su temi legati alla tutela e ai diritti degli animali, ideato e condotto da Igor Righetti, il “papà” della celeberrima trasmissione quotidiana “Il ComuniCattivo” trasmessa per 12 anni consecutivi su Rai Radio 1 con versioni televisive su Rai2 e al Tg1 Libri su Rai1, e ideatore per Radio Rai, nel 2004, del primo radio reality a livello internazionale “In radio veritas” al quale parteciparono anche Mario Monicelli, Renzo Arbore e Giorgio Albertazzi. “Il ComuniCattivo” su Rai Radio 1, pluripremiato a livello internazionale, raggiunse il milione di ascoltatori a puntata. Nel 2003 inaugurò l’infotainment della rete e per la prima volta fece vincere a Rai Radio 1, nel 2010, l’International URTI Radio Grand Prix di Parigi, uno dei più prestigiosi tra i pochi concorsi radiofonici internazionali. Anche ne “L’autostoppista”, Igor Righetti sperimenta nuovi linguaggi, si avvale della contaminazione tra generi diversi e nell’elaborazione di percorsi narrativi originali. Per questo suo format crossmediale innovativo che ha subito riscosso grande successo su Rai Isoradio, Righetti si è ispirato all’esilarante commedia “Il tassinaro” diretta e interpretata nel 1983 da suo cugino Alberto Sordi. In ogni puntata, il conduttore-conducente offre un passaggio sulla sua auto a personaggi celebri rimasti in panne, ignari, però, di salire a bordo di un prototipo di vettura mai entrato in produzione in quanto anarchico e sovversivo. Un’auto interattiva con il guidatore e gli occupanti, permalosa ed eccentrica, che esprime il proprio disappunto o compiacimento su ciò che viene detto utilizzando anche la voce del navigatore satellitare e l’autoradio. Navigatore che su quest’auto diventa “navigattore”. Grande attenzione viene rivolta al mondo dei social network con lo spazio “Le pet star dei social” dove l’influencer Lorenzo Castelluccio va alla scoperta di cani, gatti, ma anche furetti, pappagalli, galline, papere e maialini che sui loro account social hanno centinaia di migliaia o milioni di seguaci.

Igor Righetti con il suo bassotto co-conducente Byron

Tra le centinaia di “autostoppisti” già saliti a bordo figurano, tra gli altri, Mara Venier, Renzo Arbore, Al Bano Carrisi, Piero Chiambretti, Vittorio Sgarbi, Piero Angela, Renato Pozzetto, Vittorio Feltri, Pupi Avati, Barbara Palombelli, Iva Zanicchi, Katia Ricciarelli, Beppe Severgnini, Massimo Boldi, Cristina D’Avena, Simona Ventura, Caterina Balivo, Adriano Panatta, Mara Maionchi, Giovanni Allevi, Gianfranco Vissani, Santo Versace, Vladimir Luxuria, Nancy Brilli, Eleonora Daniele, Orietta Berti, Antonio Di Bella, Stefano Coletta, Benedetta Parodi, Giusy Ferreri, Luca Ward, Nunzia De Girolamo, Donatella Rettore, Patrizia de Blanck, Massimo Giletti, Vittorio Brumotti, Dario Ballantini, Cristiano Militello, Moreno Morello, Antonio Casanova, Nino Marazzita, Giacomo Urtis, Marisa Laurito, Maria Concetta Mattei, Caterina Balivo, Raffaele Morelli, Roberto Giacobbo, Rosanna Vaudetti, Anna Falchi, Sandra Milo, Tosca D’Aquino, Enrica Bonaccorti, Mago Forest, Rita Dalla Chiesa, Giampiero Mughini, Annamaria Bernardini De Pace, Eva Robin’s, Povia, Barbara Alberti, Alessio Boni, Biagio Izzo, Barbara Bouchet, Alessandro Cecchi Paone, Valeria Fabrizi, Michela Vittoria Brambilla e Leo Gullotta.

Ironia graffiante, radio dediche musicali e cinematografiche, esperti del mondo pet, imprenditori, scrittori, giornalisti, influencer, personaggi del mondo dello spettacolo e della politica per raccontare i cambiamenti dell’Italia e dei suoi abitanti tra ricordi, aneddoti, curiosità, emozioni e ilarità. La regia è di Gianni Grimaldi. “L’autostoppista” viaggia sulle frequenze di Rai Isoradio (103.3 e 103.5), sul sito e l’app RaiPlay Sound (www.raiplaysound.it/isoradio) e sul sito di Rai Isoradio dove si trovano anche le puntate in podcast.